Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2017

Alla maniera di Jonna Lamminaho

Immagine
Cercando in rete temi come dire invernali con gli studenti si siamo imbattuti in alcune opere che hanno catturato la nostra attenzione ...una giovane artista finlandese Jonna Lamminaho compone illustrazioni incantate che raffigurano la bellezza della natura e delle sue creazioni. L’artista sovrappone animali e paesaggi per creare pezzi surreali che hanno la capacità di fondersi. I miei studenti delle classi terze ne sono rimasti affascinati ed hanno provato a disegnare i temi affrontati dall'artista finlandese .. ecco i risultati !!!!









La forma della memoria: 27 gennaio 2017

Immagine
Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche arrivano nel piccolo centro polacco di Oświęcim, liberando i prigionieri del vicino campo di concentramento di Auschwitz (il nome tedesco della città). La scoperta, unite alle testimonianze dei sopravvissuti, hanno rivelato gli orrori del regime nazista. Per il suo valore simbolico, questo giorno è stato scelto come Giornata della Memoria, per ricordare le vittime dell’Olocausto.


L'importante è non dimenticare
Così inizio la mia lezione nel Giorno della memoria .... come ricordare lo sterminio??? Sicuramente nessuna opera d'arte potrà raccontare tanto orrore, ma gli artisti hanno tentato da sempre di rispondere con la loro arte a tanto odio. 

Museo ebraico di Gerusalemme
Yad Vashem rappresenta il principale museo dedicato al ricordo dell’olocausto all’interno del quale vi è inserito uno straordinario archivio storico. Il Museo è collocato sulle verdi pendici del monte HarHaZikaron – il Monte del Ricordo – a Gerusalemme.


Il Memoriale agli ebre…

Vetrate in carta stagnola e spago!!!

Immagine
Carta stagnola e spago in rilievo: un bellissimo progetto svolto con la 2A di Pian di Scò.   I risultati di questo progetto sono qualcosa che sta tra le vetrate e il cloisonné. In effetti, è possibile studiare esempi concreti come fonte di ispirazione prima di iniziare.  Il foglio di stagnola fornisce una bella lucentezza globale al lavoro mentre il pennarello permette la realizzazione di un progetto rapido e pulito. Visualizzare un certo numero di questi progetti fianco a fianco fanno capire come la collaborazione tra gli studenti sia uno dei principiali risultati dell'attività svolta. 


Occorrente: spago, colla, cartone di recupero, carta stagnola, pennarelli indelebili.
Procedimento: i ragazzi hanno praticato dei tagli lungo il perimetro del cartone. Hanno preso dello spago ed hanno intrecciato il filo ottenendo forme quadrangolari successivamente hanno distribuito uno strato di colla su cui hanno fatto aderire la carta stagnola. I vari settori così ottenuti sono stati colorati…

Selfie??? Assolutamente no!!! AUTORITRATTO D'ARTISTA!!!!!

Immagine
Nel passato la rappresentazione del sé era riservata esclusivamente agli artisti, oggi è un fenomeno generalizzato, ed ha un nome SELFIE!!!! I miei studenti conoscono benissimo questo termine: se promuovessi una lezione sull'autoscatto avrei l'aula piena e silenziosa ... potrei pensarci ............ dall'autoritratto pittorico al selfie ... questa riflessione prende origine dall'autoritratto con teschi di Russolo ............ un'uomo dall'espressione sconvolta che si guarda allo specchio, alle sue spalle dei teschi disposti in modo circolare .... definirei l'opera autoritratto ossessionato dalla morte ................ certo nel Rinascimento dopo aver dipinto per secoli soggetti religiosi i pittori si sentono liberi di rappresentarsi non solo in vesti altre come quelli dei santi ma anche come semplici osservatori di ciò che accade. Ma negli autoritratti la raffigurazione del corpo è sostanziale: gli artisti consegnano ai posteri la propria immagine supplica…

L'enigma di pietra: la Sfinge di Giza

Immagine
Come riusciranno i miei giovani artisti a rappresentare l'enigma della Sfinge???? Durante la lezione dedicata all'arte egizia con gli studenti della classe 1B di Pian di Scò abbiamo visto un video tratto Atlantide dedicato al mistero della Sfinge. Questa enorme statua fu costruita circa 4.500 anni fa e raffigura un essere mitologico con volto umano e corpo di leone accovacciato.Il monumento, che si trova a fianco del viale che conduce dal tempio a valle alla Piramide di Cheope a Giza, venne probabilmente ricavato da un affioramento di roccia proprio nella zona delle cave di pietra usate per la costruzione della piramide stessa. 



La statua è lunga 73 metri, larga 6 metri e raggiunge un'altezza di 20 metri.La colossale statua è il simbolo dei misteri archeologici per eccellenza, con i suoi occhi fissi all’orizzonte orientale, mentre scruta da tempo immemore il sole nascente ogni mattina, facendo breccia nell’immaginario di turisti e curiosi, storici e non. L’archeologia uf…