venerdì 9 ottobre 2015

La Magia delle parole

Nei primi giorni di scuola di questo nuovo anno scolastico ho sottoposto ai studenti delle classi terze una riflessione sulla parola SCUOLA:

Il vocabolo scuola proviene dal latino schola, che a sua volta è un prestito dall'antico greco scholé: questo termine originariamente indicava il tempo libero, che secondo il pensiero degli antichi doveva essere impiegato al meglio in occupazioni intellettuali, letture, riflessioni, discussioni. Ma scuola era anche il luogo dove si svolgeva questa attività, soprattutto al fine di insegnare. Nell'antica Roma la parola venne assunta con le sue valenze culturali, soprattutto nel senso di corso di lezioni che, se tenute sistematicamente a degli adolescenti, equivalevano al nostro concetto di scuola: e schola indicava anche il luogo nel quale venivano riuniti questi giovani. Nella società moderna la scuola è diventata un’istituzione pubblica, e frequentarla è un diritto e insieme un obbligo: questa istituzione ci accompagna fin dagli anni dell’infanzia, e poi della giovinezza. A scuola non abbiamo imparato soltanto a leggere, scrivere e far di conto, ma abbiamo anche appreso i fondamenti della nostra cultura, esercitando e sviluppando le nostre capacità di pensiero e di intelligenza. 

Riflettendo su queste parole ho chiesto ai miei studenti di elaborare un' idea grafica sulla Magia della parola SCUOLA. Ecco le prime proposte:













Nessun commento:

Posta un commento