mercoledì 17 agosto 2016

The Slow Mo Guy: un elastico contro un cocomero



Avete mai pensato a un modo alternativo di tagliare un cocomero? Questi ragazzi lo hanno fatto letteralmente scoppiare: guardate come ....... Stanchi del solito coltello per aprire il cocomero? Allora guardate il metodo di questi due ragazzi, youtuber di Slow Mo Guys, che hanno fatto letteralmente scoppiare il frutto. Come? Mettendo in pratica la legge di Hooke, per cui l'allungamento subìto da un elastico è direttamente proporzionale alla forza ad esso applicata. Così, stringendo il cocomero tra decine di elastici, la forza che essi eserciteranno sul frutto sarà enorme e provocerà lo scoppio. Il video, in cui ci sono diverse scene in slow motion, è assolutamente da vedere. Nel giro di quattro anni e dopo numerosi tentativi, Gavin Free e Daniel Gruchy, meglio noti come The Slow Mo Guys, hanno raggiunto lo strabiliante risultato di oltre 4 milioni di iscritti al loro canale. Combinando scienza e comicità con telecamere a elevata frequenza di fotogrammi, ci hanno mostrato di tutto, dagli airbag alle trappole per topi, sempre in slow motion.

martedì 16 agosto 2016

Buon compleanno Dietro il dipinto!!!






Quando ho aperto questo blog avevo un’idea molto precisa di cosa farne: un diario di bordo di un percorso attraverso le mie sperimentazioni didattiche. Credo di essere riuscita a creare un contenitore per idee, per le mie idee, per dar forma e spazio a qualche cosa che avevo nella mente sperando di poterle condividere con altri insegnanti come me. Sono passati quattro anni dal mio primo post: quattro anni di condivisioni, di chiacchiere, di immagini, di parole, di pensieri, di emozioni, di compagnia, di idee, di vita. In questi quattro anni ho imparato molte cose dalla blogsfera .... l'arte in fondo è come un caleidoscopio di saperi e umori che raccoglie e ferma nel tempo i prodotti degli individui sia di epoche passate che future ... basta saperla riconoscere!!!!!!!!!! Ecco questo è l'insegnamento che spero di aver dato a tutti i miei studenti: la curiosità che sarà anche un difetto ma che è il primo motore della ricerca scientifica!!!!!!!!!!!! Siate curiosi cari lettori e l'arte vi stupirà sempre o per la sua banalità o per la sua straordinarietà!!!!!!!

sabato 6 agosto 2016

La cerimonia di apertura dei Giochi di Rio 2016 è made in Italy!!!!!!!!!!!!!!





Dietro le Olimpiadi brasiliane c'è tanto made in Italy: la pista di atletica, le piscine, le palestre e perfino la cerimonia di apertura!!! La Technogym di Cesena è la fornitrice ufficiale delle palestre ben 15 attrezzate con 1200 macchinari ultratecnologici collegati via cloud al piano di allenamento degli atleti. L'azienda mantovana Piscine Castiglione è stata scelta per creare le vasche del nuoto, pallanuoto, tuffi e sincronizzato: fiore all’occhiello dell'azienda è Myrtha, tecnologia esclusiva e brevettata, una vera e propria rivoluzione nel mondo della piscina, caratterizzata da un sistema modulare basato sull’utilizzo di pannelli in acciaio inox. La pista di atletica su cui Usain Bolt, il campione giamaicano della velocità, e centinaia di atleti correranno è stata concepita e realizzata da Mondo, azienda nata nel 1948 ad Alba, in provincia di Cuneo, e oggi realtà internazionale avendo montato le piste di tutte le edizioni precedenti fin da Montreal 1976. È Marco Balich, executive producer della Filmmaster, a firmare l'evento inaugurale dei Giochi di Rio ed è proprio l'imprenditore e produttore veneziano regista di grandi spazi, giocoliere di luci, da Torino 2006 al Carnevale di Venezia, all'Albero della Vita di Expo, le sue coreografie incrociano Broadway e Bollywood, opera lirica, circo e fiaba. La cerimonia olimpica per la prima volta ospitata in un paese sudamericano ha avuto luogo al Maracanã Stadium ieri sera ed mostrato gli esiti del lavoro di un nutrito team, all’opera dal 2011. Con una durata di più di quattro ore, la cerimonia di apertura ha regalato un’immersione nell’identità brasiliana, in un caleidoscopio di stimoli visivi e musicali che hanno ripercorso la storia del Paese. Che dire .. l'Italia quando mette in campo il talento, la passione, il senso del bello e dell'utile unito al nuovo è imbattibile!!!!



martedì 2 agosto 2016

Banksy e la bambina col palloncino rosso!!!


Condivido con i miei lettori un video "With Syria" ispirato alla bambina col palloncino rosso di Banksy per raccontare il dramma senza fine del popolo siriano postato sulla pagina facebook di Didatticarte.


Dopo aver visionato il filmato mi sono tonate in mente altre "opere" di Banksy come la cabina telefonica assassinata con un’ascia, i poliziotti che si baciano, i bambini con le armi, il manifestante che lancia il mazzo di fiori, la cameriera con la scopa che solleva il muro per buttarci il contenuto della paletta, il murales con due attori del mitico Pulp Fiction che puntano una banana al posto della pistola ....







“La ragazza con il palloncino” è uno dei lavori più famosi di Banksy, che ha realizzato a Londra nel 2002. L’opera rappresenta una bambina a cui sfugge un palloncino a forma di cuore; poco distante una scritta recita “C’è sempre speranza”. Nel marzo 2014, in occasione del terzo anniversario della guerra civile siriana e sull’onda della campagna #WithSyria a sostegno delle vittime del conflitto, l’artista ha pubblicato sul proprio sito un’immagine modificata della celebre “Balloon Girl”, in modo da fare assomigliare la bambina a una piccola profuga. La bambina che segue il suo palloncino è qualcosa di più: un gesto estremamente poetico che racchiude una grande dolcezza .. come non commuoversi ... l'arte ha questo potere!!!